Quanto siamo dipendenti dalla tecnologia al giorno d’oggi?

Quanto siamo dipendenti dalla tecnologia al giorno d’oggi?

Ma soprattutto cosa significa esserlo?

E’ difficile immergersi in questo problema collettivo soprattutto se non si è medici o psicologi. Cerchiamo quindi solo di riflettere insieme come la tecnologia ci aiuta ma allo stesso tempo aimè ci rende quasi dipendenti o addirittura “ schiavi” . Partiamo principalmente parlando di uno strumento che ormai abbiamo penso tutti: il cellulare ( ovvero telefono senza fili). I primi cellulari ovvero qua si parla di quasi 50 anni fa (la prima telefonata su rete mobile al mondo:, la data importante è il 3 aprile 1973, quando Martin Cooper, ingegnere di Motorola, chiamava il suo interlocutore con un terminale che pesava più di un chilo); da come si vede nella foto erano grossi e ingombranti, oggi con lo sviluppo della nanotecnologia ( tecnologia molto piccola) e la ricerca nel settore della telefonia si è arrivati a telefoni sempre più piccoli e con molteplici funzioni, chiamati ora smartphone. Uno smartphone (lett. “telefono intelligente”) è un telefono cellulare con capacità di calcolo, memoria  e connessione dati molto più avanzate rispetto ai normali telefoni cellulari, basato su un sistema operativo per dispositivi mobili.

 

dynatac

Motorola DynaTAC

 





 

 

61P4gdmkmjL. AC SY450

Modello telefono con filo

 

 

A volte per battuta si dice che da quando i telefoni si sono “staccati dal filo” noi ne siamo più dipendenti. 

IMG 20200415 1742151 scaled

 

Secondo dei recenti studi un utente medio tocca lo smartphone 2.617 volte al giorno. Ma che cosè che ci rende così attaccati ad esso? Basti pensare alle molteplici up che abbiamo installato sul nostro telefonino. Le  Up es. social network ,messaggistica istantanea con invio di foto/video, giochini  interattivi, videochiamate ecc.  sono fra i principali motivi del perché noi guardiamo così tante volte il telefono, ma non solo, basti pensare che oggi puoi anche fare la spesa online ( cibo,oggetti tecnologici ecc); leggere libri o addirittura ascoltarli (audiolibri). Si può addirittura utilizzare il nostro dispositivo come navigatore gps ( con diverse applicazioni sempre aggiornate). Ovviamente non parlo delle persone che usano il telefono per lavoro ma in generale.  Esaminiamo una giornata tipo: Se utilizziamo il telefonino come sveglia già solo per spegnerla ecco che prendiamo in mano il nostro dispositivo, magari nel frattempo controlliamo le notifiche ( avvisi di messaggi ecc.) dei nostri social, guardiamo il meteo o le news; questo fa già aumentare le volte che guardiamo il telefonino. A volte come gesto abitudinale per guardare l’ora ci viene più comodo leggerla dal display del nostro cell più che su un orologio da polso. Parlando dei social newtork non voglio dilungarmi molto ma influenzano la nostra vita parecchio per le cose che vi scriviamo pubblichiamo o condividiamo ( foto, video ecc.). Ogni social newtork ha delle funzioni oltre che la condivisione come ho già detto di immagini e non solo anche quella di intrattenerti con giochi indovinelli e tanto altro così da rimanere più connesso a quel social.  Un altro esempio sono le up di messaggistica istantanea  quanti messaggi scriviamo al giorno con esse?   Direi parecchi… e da queste up può aggiungersi in noi anche  un senso di ansia ? Si, perché quando scriviamo a qualcuno aspettiamo la sua risposta che magari non arriva nell’istante.  Il  capitolo riguardante l’ansia da queste up di messaggistica è un argomento complesso vi riassumo in breve alcuni consigli: per evitare di esserne “intrappolati “: provate a togliere l’orario di ultimo accesso, la possibilità di vedere se qualcuno ha letto o no i vostri messaggi; questi piccoli accorgimenti possono aiutarvi. Un altro esempio di come è fondamentale l’uso del cellulare lo vediamo dalla comunità cinese che lo utilizza per servizi come i biglietti dei treni e lo shopping ma anche per le pensioni. E da dicembre è obbligatoria la scansione facciale per confermare l’identità della persona che ha registrato l’utenza.





 

stress da smartphone 1554984544 scaled

A lungo andare, interagire frequentemente e intensamente con i propri amici su Internet, i  rapporti con le persone nella vita reale diventano sempre più limitati e chiusi, e la capacità di socializzare si indebolisce; nei casi gravi queste persone diventano inesperte o goffe sotto il profilo sociale. Per esempio, ci sono alcuni bambini che appena vanno a scuola diventano svogliati e depressi e non parlano con i propri compagni di classe, ma i loro occhi si illuminano nel momento in cui usano Internet, e ne sono come rianimati. Non hanno interesse per la scuola o per la vita e davvero non prendono in considerazione il proprio futuro: l’unica cosa a cui tengono è giocare. Ci sono coppie che sono impegnate al lavoro tutto il giorno e che, quando tornano a casa, affondano il naso nei loro telefonini per giocare o chattare. Non solo, ma sono in tanti coloro che si attaccano costantemente ai loro cellulari o tablet mentre camminano per strada, rendendo fatti all’ordine del giorno i gravi incidenti causati dall’utilizzo dei telefoni. Vi sembra di aver sentito suonare il vostro cellulare o di averne percepito la vibrazione ma, in realtà, non avete ricevuto nulla? Oppure vi ritrovate a controllare costantemente il display del vostro telefonino anche se non ce ne è alcun bisogno? Se riscontrate questi sintomi, allora potreste essere vittime di quella che gli studiosi hanno ribattezzato “ossessione da smartphone“. Il discorso che ho fatto ovviamente è generico e non è contro i social o le up ma solo un invito a cercare di utilizzarli in un modo più consapevole durante il giorno soprattutto nella fase adolescenziale . Un altro consiglio che vi posso dare è rinunciare al telefono quando siete in compagnia dei vostri amici, quando si è a tavola magari con il vostro partner o ingenerale con la vostra famiglia. Cercare di ottimizare l’utilizzo del vostro dispositivo durante l’arco della giornata prediligendo: passeggiate all’aria aperta interazioni sociali con persone reali e non virtuali ma soprattutto dimenticandovi più volte di guardare costantemente il cellulare.





 

b083fe955fbe1a5e463306